Arte contemporanea e ambiente: un legame profondo

di Sara Perro

Che legame c’è tra arte contemporanea e ambiente, ecologia, natura? A un primo sguardo, da spettatori distratti e non particolarmente esperti, parrebbe nessuno. L’universo dei collezionisti e dei galleristi, delle fiere internazionali e degli artisti-star è spesso percepito come un empireo distante e anche piuttosto “sintetico”, portatore di un’estetica a volte respingente e poco inclusiva. Eppure, anche se si tende a dimenticarlo, l’arte contemporanea ha avuto un ruolo pionieristico nella formazione di una coscienza ambientalista del mondo della cultura. Un nome su tutti: Joseph Beuys, l’artista sciamano che fu tra i fondatori del movimento Verde in Germania e che ammoniva circa la necessità di «allineare la nostra intelligenza all’intelligenza della natura». Pochi anni prima di morire, in occasione dell’edizione 1982 della grande fiera internazionale documenta a Kassel, Beuys diede vita a una visionaria opera collettiva, piantando 7mila querce: l’inizio di un bosco e soprattutto un segnale dirompente per l’arte contemporanea, chiamata a ripensare il suo rapporto con lo spazio e l’ambiente naturale e a soppesare il suo potere trasformativo.

Natura “geometrizzata”, ma pur sempre in armonia con l’essenza del luogo, è quella interpretata dall’archistar giapponese Kengo Kuma, che a maggio ha inaugurato una nuova installazione per Arte Sella. Si intitola “Kodama”, cioè “lo spirito dell’albero” ed è una sfera spigolosa, composta da elementi in larice massiccio locale incastrati come in un grande rompicapo giapponese. Come in tutti i lavori di Kuma, una sagoma complessa viene scomposta, “particellizzata”, in unità costitutive, esaltando l’alternanza di luci e ombre e dando il posto che merita a un elemento fondamentale per la cultura Zen: il Vuoto. L’opera, sviluppata in sinergia con il Politecnico di Milano, d3wood e l’azienda Ri-Legno, segna la seconda tappa dell’avvicinamento di Arte Sella al mondo dell’architettura, avviato nel 2017 con Atsushi Kitagawara e che proseguirà nel 2018 con il maestro italiano Michele De Lucchi.

 

Joseph Beuys morì nel 1986 e non è un caso che quello sia anche l’anno di fondazione di Arte Sella, il primo e più importante parco italiano di arte nella natura, sorto nel cuore della Val di Sella, in Trentino. Sono diversi gli esempi di parchi artistici in Italia: giardini privati o spazi pubblici immersi nel verde, dove sono state create opere “site specific”, grandi installazioni di Land Art o più semplicemente percorsi espositivi all’aperto. Sono però rari i casi in cui a monte ci sia una teorizzazione così rigorosa e coerente come quella di Arte Sella. «Il nostro progetto si ascrive al movimento Art in Nature, un’evoluzione in chiave più prettamente ecologica della Land Art – spiega il direttore artistico Emanuele Montibeller È stato il primo luogo in Italia dove si è cominciato a ragionare in questi termini e uno dei primi in Europa». Le basi teoriche sono state gettate dal critico Vittorio Fagone (scomparso quest’anno) durante la Biennale di Venezia del 1986. Si proponeva, allora, un superamento dei segni di dominio sul paesaggio tipici della Land Art degli anni Sessanta, per andare verso una nuova dialettica con l’ambiente naturale. In poche parole, si chiedeva agli artisti di mettere un po’ da parte il proprio ego e di creare in accordo con le leggi della natura. «La componente ecologica diventa così fondamentale – continua Montibeller – Da un punto di vista pratico, la caratteristica saliente è che i materiali usati per le opere sono tutti naturali, il che significa che si degradano dopo un po’ di tempo. La maggior parte delle nostre installazioni hanno perciò un arco di vita di una decina d’anni, poi spariscono, o meglio, tornano alla natura».

Gli artisti lo sanno e lo accettano; la dimensione temporale, la transitorietà diviene parte e condizione stessa dell’opera. Ed è facile accorgersene dando un rapido sguardo alla lista delle creazioni oggi visitabili nel parco, dove negli anni sono passati circa trecento artisti. Le più antiche risalgono al massimo ai primi anni 2000, come la “Cattedrale Vegetale” di Giuliano Mauri. Altre opere più recenti, come l’ormai classico “Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, tracciato nel 2017 in una grande radura, o il suggestivo “Attraversare l’anima” di Will Beckers, un tunnel di rami realizzato nel 2015, tra qualche anno saranno state probabilmente riassorbite dall’ambiente in cui sono nate. «Ma l’importante è la qualità, il processo, non il possesso dell’oggetto», ribadisce Montibeller, riconducendo all’arte quello che, del resto, è un concetto cardine del moderno ambientalismo, dalla green economy alla condivisione delle risorse.«Le installazioni nascono, vivono e muoiono nel luogo. Non sono semplicemente “site specific”, sono fatte “con” il luogo e non “contro” di esso. Perché – conclude – il patrimonio più grande che possiamo lasciare alle generazioni future è lo spazio».

di Giorgia Marino

Ti piace la rivista? Sfoglia il nuovo numero e abbonati qui!

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

piazza pubblica | nuovi spazi pubblici

Progettare spazi collettivi

L’idea di trasformare alcune strutture, come scuole, os...

bioplastiche | smart materials

Bioplastiche sostenibili

Gli Smart Materials sono plastiche modificate con scart...

Risparmio energetico in casa: 5 consigli per ridurre i consumi

Il risparmio energetico comincia dai piccoli gesti e da...

vernici naturali per interni

I vantaggi di scegliere vernici naturali per gli interni

Se stai pensando di dare una rinfrescata alle pareti de...

Il linoleum: un rivestimento naturale

Il linoleum è un rivestimento per pavimenti, noto per l...

Casa Naturale su Instagram

Wood Philanthropy. La Laudes Foundation è nata nel 2020 con l’obiettivo di fare filantropia per vincere la sfida ambientale. Al centro delle attività l’impegno per la transizione nel mondo delle costruzioni dai materiali tradizionali al legno. La filantropia è, oggi, il capitale di rischio della società: rappresenta quel polmone di liquidità che consente alle imprese, alla finanza e all’industria di muoversi con rapidità [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#woodphilanthropy #filantropia #ambiente #thinkgreen #post
Wood Philanthropy. La Laudes Foundation è nata nel 2020 con l’obiettivo di fare filantropia per vincere la sfida ambientale. Al centro delle attività l’impegno per la transizione nel mondo delle costruzioni dai materiali tradizionali al legno. La filantropia è, oggi, il capitale di rischio della società: rappresenta quel polmone di liquidità che consente alle imprese, alla finanza e all’industria di muoversi con rapidità [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #woodphilanthropy #filantropia #ambiente #thinkgreen #post
20 ore fa
View on Instagram |
1/9
Decarbonizzare sì, ma come? Trending topic dal 2015: abbattere le emissioni di carbonio nell’atmosfera. Il mondo è sempre più d’accordo. Ma come fare? Se le analisi sui consumi sono lucide e rigorose, le applicazioni ai diversi settori produttivi sono spesso più complicate del previsto. In queste pagine abbiamo analizzato le diverse tecnologie che secondo l’Economist Impact sono le più indicate [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#decarbonizzare #carbonio #thinkgreen #greeneconomy #post
Decarbonizzare sì, ma come? Trending topic dal 2015: abbattere le emissioni di carbonio nell’atmosfera. Il mondo è sempre più d’accordo. Ma come fare? Se le analisi sui consumi sono lucide e rigorose, le applicazioni ai diversi settori produttivi sono spesso più complicate del previsto. In queste pagine abbiamo analizzato le diverse tecnologie che secondo l’Economist Impact sono le più indicate [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #decarbonizzare #carbonio #thinkgreen #greeneconomy #post
5 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Il legno incontra la città. Aspettando la fiera di Klimahouse e il relativo Wood Summit di maggio, giovedì 27 gennaio si svolgerà su piattaforma digitale un evento digital e gratuito di accompagnamento al tema. Casa Naturale è media partner [...]
Scopri di più sul nostro sito (Link in bio)

Con @fieramesse 

#klimahouse #legno #progetti #thinkgreen #post
Il legno incontra la città. Aspettando la fiera di Klimahouse e il relativo Wood Summit di maggio, giovedì 27 gennaio si svolgerà su piattaforma digitale un evento digital e gratuito di accompagnamento al tema. Casa Naturale è media partner [...] Scopri di più sul nostro sito (Link in bio) Con @fieramesse #klimahouse #legno #progetti #thinkgreen #post
7 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Naturale o ricostruita? La pietra è un materiale perfetto per impreziosire case ed edifici: analizzare le caratteristiche locali è fondamentale per adattare le soluzioni al contesto, per valorizzarlo senza alterarne le caratteristiche. Elegante, suggestivo ed ampiamente sostenibile, l’impiego della pietra in ambito edilizio si concretizza con l’utilizzo di pietra naturale o pietra ricostruita, capaci di creare armonia tra l’edificio e l’ambiente circostante [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#pietra #interiordesign #edilizia #thinkgreen #post
Naturale o ricostruita? La pietra è un materiale perfetto per impreziosire case ed edifici: analizzare le caratteristiche locali è fondamentale per adattare le soluzioni al contesto, per valorizzarlo senza alterarne le caratteristiche. Elegante, suggestivo ed ampiamente sostenibile, l’impiego della pietra in ambito edilizio si concretizza con l’utilizzo di pietra naturale o pietra ricostruita, capaci di creare armonia tra l’edificio e l’ambiente circostante [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #pietra #interiordesign #edilizia #thinkgreen #post
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
Giardini sottosopra. Il verde che sfida le leggi del giardinaggio, e anche un po’ quelle della fisica. I sistemi di piante verticali indoor donano alla casa un’anima green, ma necessitano di nutrienti, potatura, di sistemi di irrigazione dedicati e una manutenzione attenta a luce, nutrienti e potatura. Nate come alternativa ai giardini veri e propri, le installazioni di verde vivo sulle pareti di casa rappresentano una scelta architettonica che valorizza l’estetica [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Con @_miocugino_ 

#giardinoverticale #giardinoindoor #interiordesign #thinkgreen #post
Giardini sottosopra. Il verde che sfida le leggi del giardinaggio, e anche un po’ quelle della fisica. I sistemi di piante verticali indoor donano alla casa un’anima green, ma necessitano di nutrienti, potatura, di sistemi di irrigazione dedicati e una manutenzione attenta a luce, nutrienti e potatura. Nate come alternativa ai giardini veri e propri, le installazioni di verde vivo sulle pareti di casa rappresentano una scelta architettonica che valorizza l’estetica [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Con @_miocugino_ #giardinoverticale #giardinoindoor #interiordesign #thinkgreen #post
2 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Il silenzio del legno. Accogliente, confortevole e caldo. Molte sono le proprietà del legno in casa, ma per poterne godere appieno occorre conoscere tutte le sue caratteristiche, dalle sue interazioni con altri materiali alle performance intrinseche. Termico. Ma anche acustico. Grazie alle sue caratteristiche, il legno ha notevoli proprietà isolanti ed è in grado di assorbire molti rumori creando una sorta di barriera naturale alla diffusione delle onde sonore [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#legno #thinkgreen #progetti #costruire #post
Il silenzio del legno. Accogliente, confortevole e caldo. Molte sono le proprietà del legno in casa, ma per poterne godere appieno occorre conoscere tutte le sue caratteristiche, dalle sue interazioni con altri materiali alle performance intrinseche. Termico. Ma anche acustico. Grazie alle sue caratteristiche, il legno ha notevoli proprietà isolanti ed è in grado di assorbire molti rumori creando una sorta di barriera naturale alla diffusione delle onde sonore [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #legno #thinkgreen #progetti #costruire #post
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Cinque buoni motivi per isolare con il sughero: l'analisi di @tecnosugheri. L’impiego del sughero per isolamento è possibile a prescindere dai bonus governativi, ma sicuramente questi incentivi aiutano a calmierarne il prezzo, permettendo di fare una scelta efficace in termini di efficientamento energetico e responsabile dal punto di vista della sostenibilità ambientale e dell’economicità futura dell’intervento edilizio.

Difatti grazie al Superbonus 110%, committenti e progettisti hanno scoperto il sughero espanso Corkpan: 100% naturale, ottenuto da materia prima rinnovabile, riciclabile a fine vita e alleato della lotta al cambiamento climatico.

Scopri di più sul nostro sito (Link in bio)

#tecnosugheri #isolamento #sughero #incentivifiscali #topbrand
Cinque buoni motivi per isolare con il sughero: l'analisi di @tecnosugheri. L’impiego del sughero per isolamento è possibile a prescindere dai bonus governativi, ma sicuramente questi incentivi aiutano a calmierarne il prezzo, permettendo di fare una scelta efficace in termini di efficientamento energetico e responsabile dal punto di vista della sostenibilità ambientale e dell’economicità futura dell’intervento edilizio. Difatti grazie al Superbonus 110%, committenti e progettisti hanno scoperto il sughero espanso Corkpan: 100% naturale, ottenuto da materia prima rinnovabile, riciclabile a fine vita e alleato della lotta al cambiamento climatico. Scopri di più sul nostro sito (Link in bio) #tecnosugheri #isolamento #sughero #incentivifiscali #topbrand
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
Dormire sul lago. La nautica come ispirazione: un'abitazione in legno ottimizza gli spazi indoor per ridurre il più possibile l'impatto sull'ambiente. Nel sud della Repubblica Ceca, quasi al confine con l’Austria, la diga di Vranov crea un piccolo lago artificiale lungo il corso del fiume Thaya. Attorno: un bosco dai colori brillanti, come nelle fiabe [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Con @prodesi_domesi 

#caseinlegno #bioarchitecture #thinkgreen #progettigreen #post
Dormire sul lago. La nautica come ispirazione: un'abitazione in legno ottimizza gli spazi indoor per ridurre il più possibile l'impatto sull'ambiente. Nel sud della Repubblica Ceca, quasi al confine con l’Austria, la diga di Vranov crea un piccolo lago artificiale lungo il corso del fiume Thaya. Attorno: un bosco dai colori brillanti, come nelle fiabe [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Con @prodesi_domesi #caseinlegno #bioarchitecture #thinkgreen #progettigreen #post
3 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Bio Matematica. L'ispirazione da ciò che ci circonda. Tra le foglie, così come tra le pareti, la matematica aiuta a stare bene. L’essere umano si risolve nella Natura: ogni aspetto della nostra vita è strettamente connesso ed influenzato dalle leggi matematiche fondamentali che governano il mondo. Tali interconnessioni sono state a lungo studiate ed approfondite in svariati ambiti [...]
Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#biomatematica #natura #design #ispirazione #post
Bio Matematica. L'ispirazione da ciò che ci circonda. Tra le foglie, così come tra le pareti, la matematica aiuta a stare bene. L’essere umano si risolve nella Natura: ogni aspetto della nostra vita è strettamente connesso ed influenzato dalle leggi matematiche fondamentali che governano il mondo. Tali interconnessioni sono state a lungo studiate ed approfondite in svariati ambiti [...] Leggi l'articolo sul numero di gennaio-febbraio 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #biomatematica #natura #design #ispirazione #post
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9