Aumenta il bosco, non la biodiversità

di Giorgia Bollati

«Negli ultimi decenni lo scenario boschivo italiano è aumentato molto – spiega Andrea Argnani, referente tecnico del Gruppo Produttori Professionali Biomasse per AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali) –

Principalmente per motivazioni legate all’abbandono delle aree montane e alla minore necessità di terreni agricoli». Lo conferma anche la FAO, che certifica la controtendenza italiana nello scenario mondiale: a livello planetario, dagli anni Novanta a oggi, sono andati perduti circa 420 milioni di ettari di foresta. Ancora più grave: la diminuzione di biodiversità, la cui tutela dipende totalmente dal modo in cui interagiamo e utilizziamo le foreste. «I boschi monospecifici sono molto più fragili di quelli composti da diverse tipologie di alberi – prosegue Argnani –. La resilienza del bosco dipende dai tipi di piante, dal loro apparato radicale e dalla loro posizione, e dove la biodiversità è scarsa, questa è minore

Articolo pubblicato su Casa Naturale novembre-dicembre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 21,50 €


Deprecated: related_posts è deprecata dalla versione 5.12.0! Utilizzare al suo posto yarpp_related. in /srv/staging/casa-naturale/wp-includes/functions.php on line 4777